FILOTTRANO 77° ANNIVERSARIO della Liberazione del CIL

INTERVENTO IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DELL’ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DI FILOTTRANO (VICEPRESIDENTE NAZIONALE  CARABINIERI: Gen. Gentili Dott. Alessandro)

Eccellenze: Signor Ambasciatore Anna Maria Anders! Signor Prefetto della Provincia di Ancona!
Signora Sindaco!
Signor Generale Bertolini!
Paracadutisti di ogni ordine e grado qui presenti e schierati in armi!
Autorità, Signore e Signori!
porgo a tutti loro il fervido, memore e beneaugurante saluto dell’Ambasciatore Alessandro Cortese de Bosis – che ho l’onore di rappresentare – presidente dell’ANCFARGL, ex combattente, che l’8 settembre del 1943, sottotenente dei Granatieri, prese parte alla difesa di Roma e che in prosieguo fu ufficiale di collegamento dell’8^ armata britannica. L’Associazione rappresenta , alimenta e trasmette la memoria delle gesta dei 500.000 militari delle Forze Armate regolari italiane – soldati, marinai, avieri, carabinieri e finanzieri – che presero parte con gli Alleati alla Guerra di Liberazione, e di cui erano parte integrante il Corpo Italiano di Liberazione (CIL) e la Divisione Nembo, autori dei fatti d’arme di Filottrano. La liberazione di Filottrano – avvenuta il 9 luglio 1944 – fu un importante successo delle armi italiane, ritenuto storicamente l’episodio cruciale grazie a cui l’Esercito Italiano rinasce dopo i disastrosi eventi seguiti all’armistizio dell’8 Settembre 1943.
Doverosamente, e con piacere, soggiungo che la mia Associazione è particolarmente grata all’Amministrazione Comunale di Filottrano e all’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia per l’impegno profuso negli anni nel mantenere viva la memoria del ruolo dei militari delle forze armate regolari che, di fianco agli alleati, presero parte alla Guerra di Liberazione, consentendo all’Italia di poter “risorgere” dopo le penose e dolorose vicessitudini dell’immane secondo conflitto mondiale.
Grazie per la vostra attenzione!
Buona prosecuzione della commemorazione!